Skin ADV

Ardemagni: ecco come si fa nelle difficoltà

Quella corsa verso la Curva Nord, arrampicandosi fin lassù per sprigionare la gioia mista a rabbia per le tante cose successe in queste ultime settimane.

Matteo Ardemagni  ha aspettato a lungo questo momento, dopo un periodo così: vissuto a recuperare da un fastidioso principio di pubalgia e a vedere chi l'ha sostituito fare bene e giocare prestazioni importanti.

Chi conosce Ardemagni racconta che la panchina non gli piace e del suo carattere per il quale è necessario sentirsi al centro del progetto e del coinvolgimento per rendere al massimo in campo. Poi sono uscite anche le voci di mercato e dell'interessamento di qualche club (Salernitana su tutti) unite ad una critica in chiave tattica con il gioco bisoliano che non esalterebbe le sue qualita: tante cose tutte insieme capitate proprio a chi  ha fatto di tutto per tornare, tagliandosi una bella fetta di stipendio, intestardendosi contro lo Spezia che avrebbe potuto utilizzarlo per qualche altro affare di mercato.

Ardemagni si è anche comportato da professionista esemplare, mostrandosi sempre disponibile con i tifosi che lo hanno incrociato e incoraggiato, evitando atteggiamenti e parole che avrebbero potuto indirizzare il tema verso una sterile polemica. Sempre con il sorriso, pronto per fare una foto e un autografo, salutando gli addetti ai lavori sempre con grande cordialtà

Contro il Livorno due gol facili si: ma che dimostrano come lui c'era in quella zona dell'area a raccogliere due palle vaganti; che i sedici metri sono la sua casa e se i palloni arrivano arrivano anche i gol: il resto sono parole, come ha voluto far intendere nell'esultanza del 4-1.

Ardemagni è tornato ed è anche cresciuto mentalmente e psicologicamente. Ha raccolto la sfida ed è intenzionato a vincerla.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545