Skin ADV

Bisoli: "Questo Perugia è una squadra vera. Vittoria dedicata a Sofia... E ora il Vicenza"

Pierpaolo Bisoli ovviamente soddisfatto ai microfoni di Umbria Tv dopo il blitz del suo Perugia a Vercelli: “Abbiamo sofferto come ci aspettavamo su un campo difficile come quello del "Piola", con il manto sintetico - ha detto l'allenatore biancorosso -. La squadra nonostante l’emergenza ha però capito quanto era importante questa vittoria, per la classifica e per fare un bel regalo di Natale ai tifosi, e se l’è andata a prendere. Un successo che voglio dedicare alla famiglia della nostra tifosa Sofia morta di recente in un incidente e auguri alla sorella Laura sperando che si rimetta presto”.

Il tecnico si gode poi una vittoria che ha il sapore della piccola impresa: “Avevamo gli uomini davvero contati ma anche chi non stava bene ha fatto il suo e una grande mano ce l’hanno data anche i tifosi, che pure qui a Vercelli non ci hanno lasciato soli e sostenuto. Sono felice ma sapevo che il lavoro alla lunga avrebbe pagato. Nessuno dopo le prime gare immaginava che potessimo essere a 30 punti con una gara da giocare ancora prima del giro di boa: chiudere l’andata a 33 punti sarebbe un risultato straordinario”.

Poi Bisoli anticipa qualcosa sulle condizioni di Drolè, uscito dopo un colpo subito da Castiglia: “Aveva forti giramenti di testa dopo un calcio tra viso e gola, è stato portato in ospedale ma gli accertamenti fortunatamente erano tutti negativi. Al di là dell’espulsione la sua uscita da campo ha avvantaggiato la Pro Vercelli. Un bravo pi ai quattro diffidati (Spinazzola, Della Rocca, Zebli e Ardemagni, ndr) che non hanno preso il giallo. Segno di quanto è maturata la squadra anche a livello tattico e di gestione del match. Siamo stati bravi a non cadere nelle provocazioni in una gara che alla fine è stata anche maschia e alla fine ci ha aiutato un po’ anche la sorte a differenza di quanto fatto a Bari.

Con questa vittoria abbiamo accorciato anche sui pugliesi e siamo dentro ai playoff, a un punto dal Cesena settimo. Secondo me tra mille difficoltà e senza poter schierare la stessa formazione per due volte di seguito la società, la squadra, i tifosi e l’ambiente insieme siamo riusciti tutti a superare il momento difficile. Il Grifo ora sa quando deve giocare di fioretto e quando c’è da soffrire e da tirare fuori gli artigli. Intanto buon Natale mentre noi penseremo a preparare la sfida di domenica al Curi contro il Vicenza tornando subito al lavoro già da domani, malgrado torneremo tardissimo da Vercelli.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545