Skin ADV

Il punto: quando l'entusiasmo diventa presunzione, ma adesso è il momento per ripartire

 Guardiamo e rileggiamo bene la classifica del Perugia: Vedete forse una squadra in zona play out e a rischio retrocessione?  O forse una squadra, che nonostante due sconfitte consecutive gravita ancora ai margini della zona play off? Eppure in questi giorni sembra di assistere, almeno a sentire in giro, ad uno psicodramma collettivo.

Chi ce l'ha con Bisoli perché avrebbe "rotto" i giocatori a Milano Marittima.

Chi se la prende con la società che non sarebbe intervenuta per tempo per acquistare qualcuno utile subito alla ripresa del campionato.

Anche  Rolando Bianchi, arrivato per cercare di aiutare a risolvere i cronici problemi d'attacco, è stato salutato da molti come un gran bell'ex giocatore. 

Non solo: l'addio di Davide Lanzafame, giocatore di talento ma che  Camplone prima e Bisoli poi hanno messo in disparte, è stato salutato come un eroe della storia recente.

Sembra di assistere al festival dello scontento e del rimpianto.
Il tutto alimentato dal grido di battaglia del presidente, al quale l'ambiente rimprovera di rilanciare solo a parole invece di guardare in faccia alla realtà.
E' lo scotto da pagare quando si riparte con troppe aspettative come accaduto la scorsa estate, come se ripetersi fosse un giochino facile facile.

E adesso? E adesso che la colonnina dell'entusiasmo, quello che Perugia ha respirato come una linfa vitale degli ultimi 5 anni,  rasenta lo zero si riparte.

Con la consapevolezza che  domani  sarà ancora difficile contro il Pescara e poi contro il più grande Crotone di sempre. Che se arriverà qualcuno, speriamo arrivi per tempo  per queste due partite che potrebbero risucchiare il Grifo verso il basso.

Che sara  meglio guardarsi  le spalle, perché in annate come questa non è il caso di fare voli pindarici.

Si riparte però . Perché a  pensarci bene il Perugia e tutto l'ambiente sono ripartiti anche dopo la cocente eliminazione contro il Pisa di quasi due anni e mezzo  fa. E poi dopo la sconfitta di  Vicenza  l'anno scorso. Poi sappiamo tutti come è andata a finire.

L'entusiasmo quando diventa presuntuoso  è come un autogol. Anche se poi la palla torna verso il centro e si ricomincia. 

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545