Skin ADV

Mercato - Col 3-5-2 cambiano le strategie: Aguirre sì, tutto su Moscati

E' un potenziale grande colpo in attacco quello che sta cercando di mettere a segno il Perugia. Tra i vari contatti delle ultime ore è stato quello con l’Udinese a portare il diesse biancorosso Roberto Goretti sulle tracce dell'uruguaiano Rodrigo Aguirre, che è un classe ’94 e non occuperebbe dunque un posto nella lista dei 18 “over” che al momento per il Perugia è piena (e c’è anche il nuovo difensore Monaco da inserire). Dopo i 16 gol (più uno in Libertadores) segnati con gli uruguagi del Liverpool di Montevideo, l’Udinese (che potrebbe intanto far rientrare alla base Zapata) sborsa 4 milioni di euro per accaparrarsene il cartellino. L’anno scorso in A con le maglia di Empoli e Udinese poi aveva totalizzato 8 presenze e un gol, mentre in questo campionato è ancora in Friuli e ha collezionato finora 10 gettoni conditi da un assist. Centravanti in grado anche di fare la seconda punta di movimento e di ruotare intorno alla prima, piace molto alla dirigenza biancorossa che a quel punto abbandonerebbe definitivamente la pista Guido Marilungo (26 anni) dell’Atalanta, pupillo di Bisoli e ora in prestito al Lanciano. A meno che alla fine non partano sia Matteo Ardemagni, qualora si concretizzasse la voce rimbalzata sul Web di un interesse del Vicenza, sia Samuel Di Camine che il Grifo lascerà però andare solo a fronte di un’offerta economica convincente.

CAMBI DI STRATEGIA - Quello che appare chiaro è che le strategie di mercato del Grifo sono cambiate in corso d’opera per una serie di fattori. Dalla rosa decimata dagli infortuni con tutti gli esterni ko, da Fabinho a Guberti (che rientrerà in gruppo da lunedì ma è comunque a corto di gare da circa tre anni) per finire a Parigini e Drolè, che resteranno in infermeria e avevano dalla loro il prezioso vantaggio di non occupare un posto nella lista dei 18. Contingenze che hanno portato il tecnico ad abbandonare per il momento il 4-3-3 in favore di un 3-5-2 che farà il suo “debutto del fuoco” oggi a Crotone nella tana della capolista. Un modulo che sfrutterebbe a pieno le caratteristiche degli esterni Del Prete e Spinazzola, anche se su quest’ultimo il Genoa non molla e proverà a portarlo in Liguria fino all’ultimo minuto di mercato. Con questa svolta tattica (la stessa della passata stagione, quando seguì a un mercato scoppiettante e portà fino ai playoff), il Perugia potrebbe decidere di arroccarsi su Spinazzola, a meno che non riesca a spuntare un indennizzo economico per la fine anticipata del prestito dalla Juventus e tirare poi fuori dal cilindro un sostituto all’altezza, come successe l’anno scorso con Faraoni bravo a non far rimpiangere Del Prete andato a Catania.

TUTTO SU MOSCATI - La nuova disposizione tattica, da alternare eventualmente col 4-3-3 quando rientreranno gli esterni, influirà anche sul rafforzamento del centrocampo dove Goretti è a caccia di una mezzala duttile, in grado anche di fare il terzino o il quinto di destra. Nei piani del diesse perugino c’era Salvatore Molina (24) dell’Atalanta, che è però in prestito al Cesena tutt’altro che intenzionato a favorire il Grifo. Così nelle ultime ore è spuntata una clamorosa idea: il ritorno di Marco Moscati (23) del Livorno, eroe del 4 maggio 2014 che vuole tornare a vestire i colori biancorossi. Una trattativa non facile (LEGGI QUI: http://umbriatv.com/news/1504-mercato-il-grifo-non-molla-moscati-domenica-l-incontro-decisivo.html ), che avrà nell'incontro previsto domani a Milano tra Goretti e il diesse toscano Ceravolo il suo momento decisivo. Tra le possibile alternative perdono quota le azioni di Roberto Gagliardini (21), appena rientrato all’Atalanta dal prestito al Vicenza e nel mirino di diverse squadre di B. Sul Web è poi rimbalzato ieri il nome di Mattia Valoti (22) del Verona ma in prestito al Pescara, che in Abruzzo ha trovato meno spazio del previsto dopo l’exploit della stagione precedente in A e potrebbe partire. Il problema sembra però di natura tattica visto che Valoti è un trequartista, ruolo non previsto nel 3-5-2 e neppure nel 4-3-3, a meno che nei piani dello staff tecnico del Grifo non ci sia l’intenzione di farlo giocare da regista (il 26enne Bolzoni del Palermo pare destinato al Novara) o da mezzala.

CODA IN USCITA? – Sul fronte partenze, detto di Ardemagni, Di Carmine, Zapata e Spinazzola, dopo il match di Crotone saluteranno quasi certamente l’Umbria il difensore Rossi e il mediano Salifu, di proprietà della Fiorentina (su di lui Livorno e Como) e non si escludono possibili sorprese dell’ultima ora per Rizzo.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545