Skin ADV

Goretti: "Arde? Lo abbiamo trattenuto noi. Il taglio di un grifone? Vedrete..."

Roberto Goretti è intervenuto a Umbria Tv dopo lo stop delle trattative del mercato invernale: "Il nostro si è chiuso alle ore 20 - le prime parole del diesse biancorosso collegato telefonicamente da Milano -. Ardemagni? Matteo resta sereno con noi, fa parte della rosa e ci darà una mano anche in questa seconda parte di stagione. Poteva andare a Vicenza e in altre squadre e alla fine del mercato la Pro Vercelli insisteva ma alla fine noi abbiamo voluto trattenerlo. E poi ci sono anche Parigini, Drolè e Zapata che era stato chiesto dal Crotone ma ha preferito restare con noi. In attacco poi è arrivato Bianchi che ha già dimostrato le sue qualità nelle prime due gare ed è arrivato perché convinto dal nostro progetto e alla cifra giusta. Un’occasione che abbiamo colto al volo chiudendo la trattativa nel giro di un torno. A 32 anni ha ancora tanto da dare e le sue qualità tecniche non si discutono”.

MOLINA E MOSCATI - Poi si passa al nuovo regista Prcic: “Lo abbiamo seguito per due mesi, siamo stati a Torino a vederlo in allenamento e in Coppa Italia. Se messo nelle condizioni giuste e saremo bravi a dargli la fiducia che merita un calciatore come lui allora sarà una pedina preziosa per noi. Ha le stesse qualità di Fossati. Milos? Lo abbiamo preso nel momento di massima emergenza perché ci serviva un terzino destro. Ma è duttile e ci sarà utile. Aguirre? Ha garndi qualità e siamo certi di aver fatto un ottimo colpo così come con Molina, che da due anni e mezzo che lo volevamo da quando giocava a Barletta. Moscati? Ci sarebbe piaciuto riportarlo a Perugia se non fossimo riusciti ad arrivare a Molina”.

I DUE BIG TRATTENUTI - Poi si parla ai due big trattenuti a Pian di Massiano: “Le conferme di Spinazzola e Del Prete? Abbiamo rifiutato offerte importanti per loro perché con il presidente abbiamo pensato che sarebbe stato un peccato privare di due pedine preziose una squadra che reputiamo buona e in grado di darci soddisfazioni. Quanto ci ha offerto il Verona per il capitano? Una cifra che si aggira intorno ai 50mila euro ma Santopadre ha rifiutato senza fare il prezzo, perché non era nostra intenzione cedere. L’anno scorso la sua cessione al Catania arrivò dopo una settimana di trattative, stavolta non ci sarebbe stato nemmeno il tempo per sostituirlo. Spinazzola? Serve a noi ma anche a lui e alla Juve continuare a giocare con noi da terzino sinistro.

USCITE - Goretti ha parlato anche delle uscite: “Perché abbiamo ceduto Di Carmine? C’è stata una grande opportunità a livello economico ma per ora resta un giocatore del Grifo perché è andato in prestito oneroso con diritto di riscatto per i liguri. Joss? Eravamo indecisi se accettare l’offerta della Juve e alla fine pensato che per lui fosse meglio allenarsi da centrocampista centrale qual è con la Primavera biancorossa. Lanzafame? Qualità tecniche superiori alla media della B ma né quest’anno né l’anno scorso siamo stati bravi a metterlo nelle condizioni ideali per farlo esprimere al meglio”.

IL TAGLIO? - Si chiude con il problema dei 19 "over", uno in più di quanti sono consentiti in lista. Goretti non si sbilancia su quale sarà il Grifone tagliato anche se tutti gli indizi portano al possibile passaggio di capitan Comotto nel ruolo di dirigente: "Il 3 febbraio (mercoledì, ndr) comunicheremo la lista e alla fine vedrete quale sarà stata la nostra decisione. Nel complesso siamo contenti perché per la prima volta siamo riusciti a centrare tutti gli obiettivi. Crediamo che la squadra sia più completa e ora aspettiamo il verdetto del campo".

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545