Skin ADV

Il punto: Quel cambio fatale e il Cesena ha capito che...

Una sconfitta maturata così  fa davvero troppo male:L'uno due del Cesena, arrivato negli ultimi dieci minuti, rispedisce  al mittente le ambizioni della squadra di Bisoli e sono una doccia gelata per la squadra che al Manuzzi è uscita comunque tra gli applausi dei 1500 giunti da Perugia. Perché alla fine i grifoni hanno dato tutto e senza l'espulsione di Prcic le cose sarebbero potuto andare diversamente (a proposito lasciamo perdere l'arbitraggio, veramente fastidioso per usare un eufemismo).

Nient'altro da aggiungere dunque? Si, ed è una riflessione che riguarda la gestione del un cambio che a nostro avviso si è rivelato decisivo : Il Perugia era stato pressoché perfetto per 65 minuti, almeno fino alla sostituzione  di Aguirre che, a nostro avviso, meritava di stare in campo fino alla fine. Perché con Molina al posto dell'uruguagio la squadra si è abbassata di venti metri ed ha lasciato ampia possibilità di manovra ai due difensori centrali dai quali sono ripartite tutte le azioni.

Probabilmente i due gol il Cesena li avrebbe realizzati lo stesso, ma la sensazione è che la mossa di Bisoli abbia generato le condizioni affinché ciò si verificasse con più probabilità,  perché il Cesena è una squadra molto forte soprattutto tecnicamente.

Avrebbe avuto più senso a quel punto togliere anche Ardemagni  e giocare gli ultimi minuti arroccati dentro l'area invece che lasciare l'attaccante solo  davanti e in balia degli avversari  raddoppiando l'inferiorità numerica. 

Il Perugia degli ultimi venti minuti ha fatto capire all'avversario che aveva paura.E il Cesena ha vinto la partita.

 

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545