Skin ADV

Ex grifoni, Damaschi su FB: Ecco perchè ho ceduto il Foligno calcio

Eco il post pubblicato ieri sera da Roberto Damaschi, ex presidente del Foligno e del Perugia sulla decisione di vendere la società di via dei Mille.

Avrei volentieri atteso i prossimi giorni per spiegare le ragioni del passo indietro, ma la vicenda sta prendendo la piega sbagliata ed allora é bene intervenire. Ritengo che nella vita ci siano delle priorità è per questioni mie strettamente personali devo tagliare le cose ludiche quindi non posso anteporre il calcio a me stesso ed al lavoro.

Vi é poi la presa di coscienza che dopo quasi quattro anni con diverse funzioni non sono riuscito, anche per mie colpe, a costruire un ambiente ed un sistema di "fare calcio". Questo doveva essere l'anno del cambio di passo, ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti, quindi ho tratto le conclusioni, non sono attaccato alla poltrona e non sono uno buono per tutte le stagioni.

Gli ultimi tempi sono stati contraddistinti da contestazioni più o meno latenti, sono stato a più riprese invitato ad andarmene, ho avuto i miei cori d'insulto e scherno, siamo arrivati ai limiti dell'aggressione per altro in presenza di mia figlia, ed ora mi si contesta la cessione della società dopo essere stati accusati di essere una societá assente. Coerenza grazie. Vogliamo poi parlare di presenze allo stadio? Di introiti da pubblicitá? In estate sembrava che dovesse essere la volta buona per costruire una società partecipata, poi con l'autunno le promesse sono cadute al pari delle foglie. Vogliamo parlare della questione stadio? Zero euro di contributi, ma devi assicurare l'utilizzo gratuito a scuole e terzi soggetti, impianti vetusti ed annunci di interventi a più riprese, ad oggi gli interventi sono stati solo quelli del sottoscritto a titolo personale.

Voglio ringraziare i soci Onori, Botti, Sette, Matilli e soprattutto Raffaele Pandalone il cui comportamento é stato ineccepibile e mi dispiace che non sia stato ricambiato con i giusti risultati. Mi spiace anche per una certa parte di tifosi con i quali si é aperto un rapporto corretto e sincero che spero rimanga tale, avrei voluto fare di meglio, ma purtroppo non ci sono riuscito.

Da domani inizia una nuova era che spero sia un'effettiva ripartenza, spero che possa conseguire risultati migliori dei nostri e che gli venga dato il tempo di spiegare e costruire un progetto, senza la prevenzione latente che si respira.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545