Skin ADV

Cosmi: "A Perugia o te la fai sotto o fai una grande partita" (FOTO)

Queste le parole di Serse Cosmi alla vigilia di Perugia-Trapani: "Per me non sarà una partita normale, poi dopo il fischio d'inizio ognuno penserà alle proprie cose . Questa mattina ci siamo allenati ad Ellera, dove ho iniziato. Poi domani giocherò al Curi dove ho tifato e allenato per tanti anni. Quindi martedì mattina faremo un altro allenamento a Ponte San Giovanni, mi sembra di essere come un tour di Vasco Rossi. Ma so' per certo che se l'attesa è stata ed è molto lunga poi la partita sarà durerà attimo".

Poi si parla della partita e della posta in palio: "Il risultato di domani non sarà decisivo , ma comunque importantissimo. Noi abbiamo guardato sempre le spalle e penso che sarà una situazione che rimarrà tale fino alla fine. La salvezza è il nostro traguardo, ma se posso fare una battuta, mi piacerebbe finire un punto dietro il Perugia a fine campionato perché sono sicuro che il Perugia avrà un'altra classifica. Il Campionato del Grifo ha avuto qualche piccolo problema, soprattutto in fase realizzativa. Il Perugia ha sempre subito poche reti ma ha fatto pochi punti, inoltre ci sono state oggettivamente delle situazioni di infortuni che alla lunga hanno pesato".

Alla squadra di Bisoli è mancato vincere quelle tre quattro partite consecutive, anche perché poi il resto resto lo farebbero la città e la tifoseria. Il Perugia vuole vincere e la partita è molto importante. Fossi un giocatore darei il 100% perché fare bene a Perugia significherebbe tante cose, anche se poi so che il cammino interno del Perugia non è stato straordinario ed è inevitabile che prima o poi torni a vincere in casa"

Sul Trapani Cosmi aggiunge: "La nostra situazione e e molto simile a quella del Perugia anche se in maniera oggettiva le ambizioni sono diverse. Nei risultati e nel gioco abbiamo avuto un girone di ritorno non all'altezza, anche se questo andamento, senza cercare scusanti, è dovutoad alcuni fattori come infortuni e squalifiche. Petkovic e De Cecco sono già in grado di essere protagonisti, adesso vediamo se giocheranno domani sera. Ipotizzare le partite è facile, difficile e vedere lo sviluppo delle stesse perché sul campo si possono verificare delle situazioni che riconducono all'aspetto mentale. Giocare a Perugia non è giocare come da un altra parte: se vieni a Perugia o te la fai sotto o fai una grande partita" .

Infine si torna alle emozioni e Cosmi si lascia scappare una lacrima : "Gli anni attenuano le delusioni e la rabbia per alcune cose che mi hanno lasciato un pò d'amarezza. Perugia per me non è una squadra, né una societa'. Per me Perugia è l'infanzia..."(la conferenza finisce e Cosmi, visibilmente emozionato, si alza e se ne va senza salutare)

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545