Skin ADV

Grifo, Notiziario - Bisoli ritrova Spina, aspetta Rossi e cambia modulo. Ma Bianchi...

Almeno una bella notizia oggi per il Perugia funestato dagli infortuni, con il tecnico Pierpaolo Bisoli che nell'allenamento a porte chiuse andato in scena oggi al Curi ha recuperato una pedina importante.

SPINA C'E' - Leonardo Spinazzola ha infatti smaltito il problema muscolare che lo aveva messo ko nel match con Latina, è tornato a lavorare in gruppo e vista l'emergenza sabato a Lanciano dovrebbe rientrare direttamente da titolare sabato a Lanciano. Non lo farà però da terzino, perché a causa delle assenze il tecnico sembra disposto ad abbandonare il 4-4-2 delle ultime uscite per tornare a un 4-3-3 in cui il folignate sarà la mezzala sinistra vicino e Della Rocca il play al posto di Prcic (impegnato in nazionale). Come interno destro ci sarà Rizzo e in panchina le alternative saranno Taddei e Zebli, quest'ultimo di rientro dagli impegni con la Under 21 della Costa d'Avorio cosí come l'attaccante Drolé che ha superato l'infortunio al braccio e spera di poter andare in panchina.

ROSSI STRINGE I DENTI - Nella retroguardia decimata dalle assenze (out sicuri lo squalificato Milos e gli infortunati Del Prete e Belmonte) l'esterno Molina verrà adattato nel ruolo di terzino destro, mentre sulla corsia opposta Bisoli conta di recuperare Rossi (fermo però da ieri per un'infiammazione al tendine). Nel cuore della difesa e davanti a Rosati (Zima è in nazionale, il baby Santipadre farà il dodicesimo), a far coppia con Volta sarà uno tra Mancini (tornerà domani dagli impegni con la Under 20 di B) e Monaco, per il quale si tratterebbe del debutto assoluto in biancorosso.

BIANCHI RESTA IN DUBBIO - Grande dubbio infine in attacco, dove visto il forfait di Ardemagni (20 giorni di stop) si spera di poter recuperare Bianchi. Il centravanti ex City, alle presa da settimane con un problema alla caviglia, anche oggi pomeriggio si è allenato a parte e la sua presenza a Lanciano a oggi pare tutt'altro che scontata. Qualora Bianchi dovesse dare forfait al centro del tridente andrebbe Aguirre, con Guberti e Zapata esterni ma chiamati a dar man forte al centrocampo, per schierarsi magari in fase difensiva con una sorta di 4-5-1 in grado di esaltare le doti di contropiedista di Aguirre come successo a Cagliari. Senza dimenticare la possibilità di schierare nel finale Fabinho e forse anche Drolè.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545