Skin ADV

Ex, parla Margarita: "Perugia ricordo stupendo, questo Grifo gioca bene e..."

Un sacrificio per la causa, un evento che oggi, a distanza di anni non suscita alcun rimpianto : correva il 45' minuto di Fano-Perugia del 25 aprile del 2012, una delle "partite"'della storia recente del Grifo. Daniel Alfredo Margarita si stava involando verso il portiere fanese Orlandi, una corsa verso il gol del pareggio interrotta dall'uscita killer del numero uno dei locali. La diagnosi è immediata e terribile: rottura del legamento del ginocchio e dentro Ferri Marini che nella ripresa la butterà dentro due volte e regalerà' la promozione al Perugia.

"Di quella giornata ricorderò sempre l'abbraccio dei miei stupendi compagni che mi riporteranno in campo con il ginocchio rotto e mio figlio con la bandiera del grifo insieme a me. Quella stagione è stata in assoluto la più emozionante della mia carriera, ancora oggi con mia moglie ricordiamo Perugia con nostalgia; l'affetto che mi hanno dato i tifosi  va oltre la questione professionale e invade la sfera umana. Con la società non mi sono lasciato benissimo, ma sono cose che capitano e non è giusto tornarci sopra".

Sabato scorso Margarita era al Biondi con la famiglia al gran completo: "Quando non ho impegni con la Civitanovese e il Perugia gioca da queste parti è sempre un piacere seguirlo. Sono venuto pure a Pescara ed ero in curva con i tifosi del grifo. Mio figlio gioca nel settore giovanile del Lanciano ed era in campo insieme alle squadre. Era molto emozionato e alla fine ha provato a prendere una maglia ma non c'è riuscito. Certo potevo procurargliela io attraverso Renzo (Luchini, ndr) e il dottore (De Angelis, ndr), ma non è nel mio carattere fare queste cose e comunque credo che non mancherà occasione. Il Perugia mi è piaciuto tantissimo, ha giocato molto bene e penso che se gioca così potrà entrare nei play off. Sarebbe importante guadagnare la miglior posizione possibile, perché giocare la seconda partita in casa al "Curi"'e con quella curva li sarà difficile per tutti".

Tanti i protagonisti in campo sabato scorso, ma Margarita ne incorona tre: "Aguirre mi è piaciuto tantissimo, davanti gioca da falso nove e fa girare tutta la squadra. E poi anche Zapata ma soprattutto Guberti, che insieme e Volta e Rosati sono un lusso per la categoria. Contro il Lanciano il Perugia ha capito che c'era spazio tra le linee ed è stato bravissimo a sfruttarlo. Se non avesse vinto sarebbe stato ingiusto e un gran peccato. Tornerò a Perugia, spero per i play off: ho l'amico Nicola Battistelli che mi ha invitato a pranzo e che è sempre carino con me: certe amicizie sono bellissime e sono la cosa più gratificante per un calciatore; per me aver lasciato un ricordo positivo è una grande soddisfazione .

Daniel Alfredo Margarita ha giocato con il Perugia 34 partite segnando un gol nella trasferta di Isola Liri nell'ultima gara del girone di andata di quel campionato (0-2 con reti di Margarita e Clemente).

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545