Skin ADV

VOLLEY - Sir in gara 5, parla Jack Sintini: Atanasijevic arma in piu, ma Verona...

"Mi sarebbe piaciuto tornare a giocare a Perugia con la Sir, ma non c'è stato modo. In ogni caso faccio io amo lo sport della mia città e non sono un gufo, anzi li odio". Esordisce così Jack Sintini, che in esclusiva per umbriatv.com/grifotube parla della partitissima di stasera valida per gara 5 dei quarti di finale che si gioca al PalaOlimpia di Verona.

"Io vedo Perugia superiore non solo sulla carta ma anche in campo; un ruolo fondamentale l'avrà l'emotività  perché è chiaro che la pressione è tutta sulle spalle della Sir. La serie era sul 2-0 e un'eliminazione significherebbe archiviare in maniera negativa la stagione. Questa squadra ha sempre avuto problemi in ricezione perché a fianco di Giovi non ha avuto mai ricevitore puro. Poi c'è stato anche  qualche problema fisico ad incidere . Io penso che con l' arrivo di Kovac la squadra ha avuto una quadratura più efficace, con l'inserimento di Russell titolare e sfruttando con più continuità i centrali è stato possibile alleggerire il lavoro di Atanasijevic".

Ma sarà prorpio l'asso serbo, continua Sintini, l'arma in più in questa gara decisiva: "Lui potrà essere l'uomo decisivo e la Sir deve saperlo sfruttare. Perché chi ha Atanasijevic ha un arma in più. Giocassi io lo userei spesso , ma credo che il mio amico Luciano (De Cecco ndr) la pensi alla stessa maniera".

Jack però mette in guardia da Verona, una squadra che non molla mai e che ha una grande qualita' che ha messo in difficoltà la Sir Safety ." Verona  rispecchia le qualità di Andrea Giani :sono pazienti nel gioco, nel senso che non rischiano mai quando hanno una palla sporca puntando a prolungare le azioni. Questo dettaglio ha creato , secondo me, un pò di fretta al gioco di Perugia che non può pretendere di condurre sempre le partite. La Sir Safety ha dato la sensazione di avere troppa frenesia nel voler chiudere certe azioni, ma nella pallavolo bisogna saper "leggere" queste situazioni e comportarsi di conseguenza".

Infine il Perugia calcio e le discussioni generate da questo campionato targato Bisoli:" Io penso che i professionisti vadano sempre rispettati, a prescindere che ci piacciano o meno. Ma credo che la cosa importante sia che Santopadre abbia permesso alla città di godersi anche quest'anno un campionato così importante come la serie B. Si può sempre fare meglio, ma apprezzando il presente"

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545