Skin ADV

LE PAGELLE - Zebli il migliore in campo, Rosati reagisce da campione

ROSATI 6,5 Dopo la serataccia di Brescia la sua reazione è da campione e pur in un sabato di relativa “tranquillità” trova il modo di risultare decisivo con un doppio miracolo al 30’, quando si oppone prodigiosamente prima a Bastien e sul successivo corner su Rea. Dopo l’intervallo va in porta sotto la Curva Nord che lo applaude come a “perdonargli” l’errore di Brescia e lui risponde prima con un applauso e poi con un volo a deviare una insidiosa punizione calciata da Insigne. Sull’unica indecisione in uscita è salvato da Volta, ma il portierone biancorosso è tornato.

DEL PRETE 6,5 Condizione in crescita e in campo si vede. In avvio (9’) spreca un grande chance lanciando male Fabinho involatosi in una prateria solitaria, poi (29’) sfiora il gol di testa su corner di Guberti.

VOLTA 6,5 Stazza, carisma e grinta: il suo rientro si fa sentire soprattutto contro il fisico Mokulu. Strappa applausi già al 4’ per un tackle in area su Bastien, al 65’ di testa salva sulla linea dopo un tentativo di Arini in seguito a un’indecisione di Rosati in uscita. E quando serve non tira indietro la gamba, come all’80 quando si prende il giallo per un fallo su Tavano.

BELMONTE 6,5 Una prestazione sottotono rispetto ai suoi standard, con diversi errori soprattutto in uscita (al 56’ pericolosissimo un suo retropassaggio per Rosati). Al 60’ però chiude il match segnando il 2-0 con un perentorio stacco di testa su corner di Fabinho. Nel finale crampi e sostituzione (dall’84 DELLA ROCCA SV Nel finale si piazza regista in una mediana a tre e ha il tempo per servire un geniale assist sprecato da Aguirre nel recupero).

ROSSI 6 Torna in campo come terzino al posto dell’acciaccato Spinazzola e fa il suo, anche se sbaglia spesso in fase di impostazione. Chiude da centrale dimostrandosi per l’ennesima volta un jolly preziosissimo.

RIZZO 6,5 Dopo l’erroraccio costato i tre punti nel finale del match di Brescia, sfodera una prestazione gagliarda fatta di corsa e sacrificio. Sbaglia diversi appoggi e soluzioni in fase di costruzione, ma a centrocampo erige una diga insormontabile insieme a Zebli. Ammonito al 12’.

ZEBLI 7 Il migliore in campo. Personalità e tranquillità del veterano nonostante i soli 18 anni, cattura un’infinità di palloni e con il suo senso della posizione e la sua intelligenza tattica vince tutti i duelli anche contro i più fisici avversari irpini. Il Perugia ha un gioiello in casa.

FABINHO 6,5 Di nuovo titolare dopo un’infinità di tempo, va un po’ a sprazzi ma quando ha la palla fa paura. Al 6’ da il la al contropiede fotocopia (ma sulla destra) del primo gol di Brescia, ma Arde alla fine spreca. Quando ha spazio nel primo tempo viene servito male un paio di volte ma al 34’ riesce ad andare in fuga sulla destra e costringe Biraschi all’ammonizione. Nella ripresa è suo l’assist su corner che porta al 2-0 di Belmonte (dal 73’ PARIGINI SV Anche lui al rientro dopo un lungo infortunio, torna a respirare l’aria del Curi che lo saluta con un grande applauso.)

AGUIRRE 7 Il migliore degli attaccanti e soprattutto nel primo tempo pare scatenato. Al 6’ serve un ghiotto assist per Ardemagni, che spreca ma gli rende il favore prima al 7’ (l’uruguagio spara alto da buona posizione) e al 13’ quado l’attaccante dell’Udinese fa esplodere la Nord sbloccando il risultato. Ottima l’intesa con Arde e Fabinho, in pieno recupero forse per la stanchezza spreca la palla del 3-0.

GUBERTI 6 Mai una giocata banale, fa sempre la scelta giusta e mostra una personalità che sembra contagiare i compagni ogni volta che va in campo. E i suoi cross pennellati con il contagiri mettono sempre i brividi alla difesa irpina. Al 39’ però chiede il cambio e Bisoli resta con il fiato sospeso sperando di averlo martedì a Modena (dal 39’ pt SPINAZZOLA 6,5 Due conclusioni fuori misura dalla distanza a inizio ripresa. Al 59’ un suo tiro cross deviato per poco non porta al raddoppio, ma sul successivo corner ci pensa Belmonte. Bel destro al volo anche al 69’ (parato da Offredi), va a sprazzi ma nonostante il problema all’anca stringe i denti e sulla sinistra mette al servizio del Grifo la sua corsa e il suo cambio di passo. Chiude da terzino).

ARDEMAGNI 6,5 Al 6’ brucia Rea ma il suo piatto destro finisce fuori. Si fa perdonare proteggendo un pallone prezioso e servendolo poi Aguirre per il gol dell’1-0. Al 59’ destro alle stelle invece di servire lo stesso Aguirre o Fabinho. Al 70’ scatta sul filo del fuorigioco ma cincischia sull’ottimo servizio di Zebli. Non la prova mostruosa del “Rigamonti” insomma, ma un’ottima condizione fisica e un lavoro prezioso per la squadra e per i suoi compagni di reparto con diverse sponde.

ALL. BISOLI 7 Sceglie il 4-2-3-1 per lasciare campo all’Avellinoe punirlo in contropiede, quasi il suo Grifo giocasse in trasferta. La mossa paga e nella ripresa con i cambi congela la partita. Con l’infermeria vuota ha più liberta di scelta e di azione e il suo Grifo alla fine gli regala una grande reazione dopo il beffardo pari di Brescia. Tre punti che consentono di continuare a sperare e a credere nei playoff, proprio com e il timoniere biancorosso ha chiesto ai suoi Grifoni.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545