Skin ADV

Camplone: "Il dialogo con Santopadre? Cose irripetibili... Un ritorno al Grifo? Mai dire mai..." (FOTO)

Quasi una chiacchierara tra vecchi amici quella con Andrea Camplone, tecnico approfato in corsa al Bari dopo i tre anni indimenticabili sulla panchina del Grifo, dopo lo 0-0 del Curi quando si presenta in sala stampa con i pantaloncini di Parigini: "Sono per mio figlio, che li colleziona. Le maglie invece non me le danno che costano troppo. Cosa mi sono detto col presidente Santopadre prima della partita? Cose che non posso ripetere - ha detto sorridendo il tecnico pescarese - Abbiamo rispolveraro un po' di ricordi e alla fine mi ha detto Andre' te vojo bene. Ci sono stati screzi e l'abbo scorso ricordo che me ne stavo tornando a casa proprio prima della partita contro il Bari, ma ora ripenso solo ai tanti bei momenti: siamo adulti e certe cose si superano. Io forse non sono plateale, non mi piace andare sotto la curva o fare giri di campo perché dopo una vittoria la scena deve essere dei giocatori. Questo non vuol dire che non gioisco, a Perugia poi mi sono trovato benissimo nei 7 anni in cui ho vestito di biancorosso prina da giocatore e poi da allenatore. Qui ho ancora tanti amici ma il mio carattere è questo e forse a volte ho pagato anche questo. Ricevere un regalo dalla Vecchia Guardia e sentire gli applausi del Curi al mio ingresso mi hanno emozionato".

Poi un'analisi della partita e due parole sul Grifo: "Sono soddisfatto per il risultato, un po' meno della prestazione perché dopo un primo tempo di studio nella ripresa dovevamo fare di più. Sto cercando di adattare il 4-3-3 alla nostra rosa che non ha esterni di gamba come Del Prete o Drolé. Oggi ci mancava anche De Luca per squalifica ma il problema è che stiamo facendo troppi calcoli dopo i buoni risultati e il grande lavoro che ci ha portato fino al quarto posto. Ora ci aspettano altre sfide difficili e anche se è un rivale sono conbtento per il Trapani di Serse Cosmi, che finalmente è tornato grande protagonista dopo qualche difficoltà. Il Perugia? Quello visto oggi poteva lottare senza problemi per i playoff, ma la stagione è stata condizionata obiettivamente dai troppo infortuni perché Bisoli non ha mai potuto lavorare con l'organico al completo. Un consiglio a Bisoli? L'ultima volta che lo ho fatto nei panni del commentatore per Sky che mi aveva chiesto un'opinione è successo un saloon. E' un collega che nella sua carriera ha visto tanto e non era mia intenzione offenderlo , anzi gli feci i complimenti per la fase difensiva per la gara di Pescara dove i locali faticarono tantissimo a segnare. In quella partita dissi che al Perugia sembrava mancare un pensatore in mediana, tutto qui, niente di personale o offensivo".

Chiusura con una domanda inevitabile su un suo possibile ritorno al Grifo nel futuro: "Con Santopadre mi sento spesso, ora sto a Bari e sto bene senza contare che il Perugia ha un ottimo allenatore, ma nel calcio mai dire mai..."

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545