Skin ADV

Domani Grifo a Vicenza, Bisoli: "Attendo comunicazioni dal club, buona fortuna a Bucchi"

Campionato ai titoli di coda e un Bisoli malinconico nella conferenza alla vigilia di Vicenza-Perugia, ultima sfida della stagione per i Grifoni: "Anche stavolta siamo contati - ha spiegato il tecnico - e questa è la formazione: Rosati; Milos, Volta, Monaco, Alhassan; Rizzo, Taddei, Zebli; Zapata, Ardemagni, Guberti. A disposizione avremo come secondo portiere Santopadre, poi Molina, Parigini, Drolè e Di Nolfo della Primavera che vogliamo premiare per il campionato che ha fatto così come il terzo portiere Piacenti che partirà con noi".

Si passa poi alla gara del Menti: "Il rinvio della gara dell'andata è stato l'inizio di una sfilza di problemi. Mi dispiace sapere che probabilmente sarà la mia ultima sulla panchina del Grifo ma ho la coscienza a posto. Io volevo portare avanti un progetto altrimenti non avrei firmato un pluriennale, ma la società ha la facoltà di scegliere e il presidente resta al di sopra di tutti. Sono contento comunque degli attestati di stima della gente e sono fiero di lasciare un bel ricordo come uomo prima ancora che come professionista. Una grande soddisfazione poi sono i ringraziamenti di tutti i giocatori, anche quelli che hanno giocato meno. L'unico con cui ho avuto un piccolo screzio prima che partisse è stato Lanzafame, a cui dissi che non ritenevo giusto il suo atteggiamento dopo aver giocato 14 partite su 17 da titolare".

Si passa poi all'immediato futuro e su Bucchi, suo successore designato: "Spero però che la società mi comunichi il prima possibile la sua decisione perché vorrei sentirmi libero anche io di poter pensare al mio futuro e andare via serenamente e senza polemiche, visto che non sono il tipo che fa accordi con un contratto in essere e già una ventina di giorni fa ho visto sfumare una panchina per la prossima stagione. A chi mi succederà (Bucchi, ndr) auguro di non rivivere le difficoltà di questa stagione anche perché è un ragazzo che merita e ho avuto a Cesena da giocatore quando era reduce da un infortunio e lo rilanciammo".

Bisoli fa poi le carte alla corsa per la A: "Ai playoff contano le condizioni mentali e fisiche in cui ci si arriva. Ora vedo favorite Pescara e Ascoli, anche se il grande rammarico è non esserci approdati con il mio Perugia che le gare da dentro o fuori come i derby, le trasferte di Cagliari e Crotone o la sfida interna contro il Latina. Se mai il problema è stato aver toppato il definitivo salto di qualità, come a Modena o al Curi con l'Ascoli. Mi dispiace poi non aver potuto contribuire alla costruzione della squadra e l'unico che ho portato, Volta, credo non abbia deluso oltre ad aver saltato una sola partita e per influenza perché è uno abituato ai miei allenamenti".

Infine un pensiero alla squadra: "Ringrazio tutti i ragazzi che si sono sempre sacrificati e penso a Del Prete oppure a Fabinho, che ad Avellino è entrato per 20' dopo due iniezioni di antidolorifico e ci ha fatto vincere la partita".

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545