Skin ADV

Derby, le PAGELLE: Di Nolfo stupisce, Bianchi c'è

 

 

ROSATI 6 Mai davvero impegnato seriamente, è incolpevole sulla fucilata di Falletti su cui può solo guardare la palla infilarsi all'incrocio.

DEL PRETE 6 Troppi errori non da lui nella prima parte del match, poi aggiusta la mira e al 41' con un potente esterno collo chiama Di Gennaro a un difficile intervento a terra. Cresce nella ripresa quando, dopo il pari rossoverde, il Grifo mette sotto assedio l'area avversaria prima del surreale finale di match.

VOLTA 6 Mai in affanno su Avenatti e Falletti, che prende di volta in volta in consegna a turno con Belmonte. Concentrazione e strapotere fisico, segna anche il gol del 2-1 al 72' ma se lo vede annullare per fuorigioco.

BELMONTE 6,5 In avvio sbroglia la matassa su tre situazioni non lette a dovere dalla difesa biancorossa. Al 42' spende intelligentemente il giallo per fermate Avenatti lanciato in contropiede. Lettura sempre perfetta dell'azione e grande mestiere.

CHIOSA 5,5 Timido e poco propositivo, affonda poco e dalal sua parte soprattutto nel primo tempo si ha l'impressione che il Grifo "balli" di più. (dal 65' DI CHIARA SV Non c'è tempo di vederlo all'opera)

BRIGHI 6 Puntuale e lineare, sbaglia poco ma non brilla particolarmente. Al 35' velenoso rasoterra mancino su sponda di Bianchi bloccato in due tempi dal portiere ternano, al 72' traversa in tap-in nella mischia che porta alla rete annullata a Volta.

ZEBLI 6 Preferito a Ricci in canina di regia, interpreta il ruolo in maniera diversa rispetto all'ex pisano. Meno propenso a giocare di prima, fa forse girare meno velocemente la squadra ma in mezzo al campo è una calamita "acchiappapalloni" e garantisce il filtro voluto dal tecnico. Nell'unica occasione in cui è mal posizionato arriva il gol di Falletti, lasciato libero di calciare sulla trequarti dal giovane ivoriano che in questa circostanza era troppo "schiacciato" sulla linea dei difensori.

DEZI 6,5 Ha tecnica, corsa e visione si gioco e di conseguenza è il più temuto dei centrocampisti biancorossi. Con le sue finta al 20' porta Bacinovic al fallo da giallo e tre minuti dopo si ripete al limite dell'area ospite con Meccariello, già ammonito ma graziato dall'arbitro. Stesso copione a inizio ripresa quando fa finire sul taccuino dei cattivi Zanon, ma al 52' è libero di pennellare l'assist per Bianchi dalla sinistra. Al 72' di testa a un metro dalla porta si vede respingere la palla da Di Gennaro, col gol di Volta sulla successiva mischia annullato per fuorigioco. (dall'80' NICASTRO SV).

DI CARMINE 6 Al 4' si lancia in una ripartenza coast to coast e costringe subito al giallo il capitano rossoverde Meccariello. Il su avvio promette scintille ma va a sprazzi, e in uno di questi all'inizio del secondo tempo sfiora il gol di testa su cross di Del Prete, murato però da Valjent. Corsa e sacrificio nel ruolo di esterno.

BIANCHI 6,5 Parecchio isolato in avanti e mal servito dai compagni, non si piange addosso e lavora per la squadra lavorando un'infinità di palloni sporchi e giocando di spnda. Al 52' della ripresa però, al primo vero cross, la butta dentro di testa e va a prendersi l'ovazione della Nord in tripudio. La festa dura poco, ma il gol lo galvanizza e la sua prestazione da lì in poi cresce ancor più a livello di intensità.

DI NOLFO 6,5 Rompe subito il ghiaccio con un pregevole spunto personale. Prende inmediatamente fiducia e non hanpaura di tentate la giocata come quando, intorno alla mezzora, prima rifila un tunnel a Zanon e poi sul corner che nasce dal suo spunto tenta la battuta di prima con l'esterno sinistro impegnando Di Gennaro. Nella ripresa è sua la prima conclusione, una botta col mancino parata da Di Gennaro che gli dice no anche al 59'. Ancora atleticamente acerbo, Bucchi lo richiama ai box dopo un'ora in cui si guadagna comunque gli applausi del Curi. (dal 61' GUBERTI SV Quando entra dà subito la scossa, con le sue finte e i suoi cross è l'unico che sembra davvero di un altro pianeta. Un recupero importantissimo per Bucchi).

ALL. BUCCHI 6 Ridisegna l'attacco per l'emergenza sugli esterni ma non abbandona il 4-3-3 per non snaturare la filosofia di gioco. Punta su Zebli in regìa e sul baby Di Nolfo davanti e le scelte tutto sommato lo premiano, ma il rapporto tra la mole di giovo e le vere occasioni da gol è ancora deficitario. E per la terza volta il suo Grifo viene rimontato.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545