Skin ADV

Bucchi: Domani importante, sconfitta contro Entella...(FOTO)

 

 

ECCOLE DICHIARAZIONI DI CRISTIAN BUCCHI ALLA VIGILIA DE MATCH INTERNO CONTRO L'AVELLINO

 

(testo raccolto da Costanza Mancinelli)

" L'undici non si allontana da quello della settimana scorsa. Non saranno convocati Del Prete, Drole, Mancini e Di Nolfo. Del Prete voleva esserci ma abbiamo preferito non rischiare, a Frosinone ha preso una brutta botta. Drole siamo riusciti a rimetterlo in un lavoro tattico, ma ancora non è rientrato a pieno regime. Ma questo è stato comunque un passo importante. Mancini dovrebbe iniziare a lavorare parzialmente con il gruppo dalla prossima settimana. E Di Nolfo ha una piccola infiammazione al pube e quindi starà fuori una diecina di giorni. 

Sappiamo che nella partita di domani dobbiamo avere l'umiltà che ci ha sempre caratterizzato. All'inizio del campionato non ci siamo preoccupati eccessivamente per il momento negativo perché sapevamo che ne saremmo usciti. Ma dobbiamo comunque imparare ad essere equilibrati e mantenere la concentrazione anche nei momenti positivi.

A Frosinone ho visto un Perugia molto maturo, abbiamo superato alcuni punti critici delle prime giornate. Dobbiamo ancora migliorare alcune cose ma questo non è un gruppo che si esalta, sa che bisogna essere sempre concentrati al massimo. La sconfitta con l'Entella ci ha segnato e ce la portiamo sicuramente dietro fino allo fine del campionato, come monito, perché nessuno di noi vuole rivivere quell'esperienza. È un momento importante della stagione, ma sicuramente non decisivo. Basta vedere le ultime settimane che hanno stravolto le classifiche di molte squadre.

L'Avellino è un avversario forte ed ha raccolto molto meno di quello che si meritava. È una squadra molto volenterosa, con un parco attaccanti di tutto rispetto, tra i più forti della serie B. Domani sarà una partita importante però dobbiamo viverla con la consapevolezza che se saremo umili e determinati possiamo vincerla, se invece pensiamo di aver fatto già qualcosa di buono allora la perdiamo. Sarà una grande gara e speriamo di essere più bravi dell'Avellino. Bisogna essere bravi a tener l'equilibrio perché la settimana di lavoro è sempre condizionata dal punto di partenza, se abbiamo vinto ci si allena molto meglio, perché vincere aiuta ad accrescere l'autostima. Quando si perde invece c'è sempre la ricerca del colpevole e questo condiziona la settimana. In casa non abbiamo fatto al nostro livello solo il primo tempo con la Ternana ed il primo con la Spal. Potrebbe essere perché in casa sentiamo la pressione che bisogna vincere per forza e questo probabilmente un po' ci condiziona.

Ho la fortuna di avere tanti attaccanti forti. Poi ci sono momenti all'interno del campionato. Io valuto molto chi si mette al servizio della squadra, valuto il loro momento e valuto la partita. L'Avellino e una squadra che attacca tantissimo, gioca un 3-5-2 molto propositivo, che attacca con sei sette uomini, e spesso gioca meglio fuori casa. Gioca molto sulle ripartenze veloci, è una squadra che spinge e costruisce molto. Bisogna essere bravi a non prendere le ripartenze nel momento in cui attaccano gli spazi.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545