Skin ADV

Bucchi: Belmonte in forse, Del Prete...

(di Moreno Castellani)

Sono due le notizie inaspettate che Cristian Bucchi da in apertura della conferenza stampa pre-Trapani. La difficoltà che Belmonte possa esserci a causa del riacutizzarsi dei problemi al ginocchio che gli hanno impedito di allenarsi con la squadra per quasi tutta la settimana e la non convocazione di Mancini che ha subito un grave lutto in famiglia, la nonna a cui era affezionatissimo. Il ragazzo è a Pontedera con la sua famiglia e rientrerà in sede lunedì. "Del Prete sta bene ed ha lavorato moltissimo in questi tre giorni con noi-ha spiegato l'allenatore- ma da qui a dire che possa partire dal primo minuto ce ne corre. Devo valutare tante cose, se Belmonte mi da garanzie gioca lui, altrimenti vedremo. Non dimentichiamo che in quel ruolo abbiamo anche Imparato che quando è stato chiamato in causa per me almeno, ha sempre risposto bene". A centrocampo sembrava che si prospettassero avvicendamenti ma Bucchi non appare molto convinto:"Sono contento -dice infatti - che tutti  ogliano giocare e tentino di mettermi in difficoltà è il sogno di ogni allenatore. Fra l'altro dimostranomcoi fatti e col lavoro di essere pronti a subentrare e ci faccio affidamento sempre..." Ma? "Ma credo che non sia ancora arrivato il momento di cambiare-continua Bucchi- almeno dal primo minuto, poi a partita in corso tutto può succedere, tanto non è un discorso di uomini ma di stimoli e di concentrazione". E quindi per capire se sono concentrati bisogna vedere le motivazioni, chissà se anche questo con l'ultima in classifica è uno scontro salvezza. "Non è uno scontro salvezza-risponde il mister- ma in palio ci sono punti salvezza per loro, ma anche per noi. Perchè fino a che non saremo arrivati a 50 l'asticella rimane fissata in quel modo. Deve essere chiaro a tutti che noi domani giochiamo contro il Verona, solo che ha la maglietta amaranto. Per certi versi è la peggior partita che poteva capitarci, dato che loro valgono tantissimo di più della loro classifica e sono allenati da un perugino che per me è un maestro oltre che un amico. Lui con me questa estate è stato prodigo di consigli e vlie ne sarò per sempre grato. Ma da lunedi non da domani. Di contro-continua Bucchi- può essere anche la migliore delle partite, se dovessimo riuscire a confermare anche in questa condizione il percorso di crescita di attenzione di mentalità che abbiamo intrapreso". Per chiudere con un appello al pubblico che appare al momento meno numeroso del previsto:" Vorrei che lo stadio fosse pieno, anche per la parte dell'incasso da devolvere, ma forse non sarà così. Noi comunque daremo il massimo per far trascorrere a chi verrà a vederci (anche dalle zone terremotate) un'ora e mezza di calcio vero e spettacolare. E sono sicuro-conclude- che sarà così".

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545