Skin ADV

Foligno calcio: arrestato presidente Ius, l'epilogo di una storia incredibile

 

Blitz della Guardia di Finanza all'alba di oggi. A finire in manette l'imprenditore romano e presidente del Foligno Calcio Gianluca Ius. Le accuse mosse dai finanzieri sono fatture false, riciclaggio e truffa aggravata ai danni dello stato. In totale sono sette le misure cautelari notificate dalle Fiamme Gialle. 

Ius è considerato uno dei personaggi chiave dell'indagine. L'uomo era già stato arrestato nel 2013 sempre con l'accusa di riciclaggio. L'inchiesta riguardava degli illeciti nel sistema di affidamento degli appalti Enav-Finmeccanica. Secondo gli inquirenti, l'imprenditore avrebbe ripreso i suoi affari illetici dopo essere uscito dal carcere. In manette è finita anche Cristina Tella, anche lei presente nel Cda del Foligno.

Tutte le persone coivolte sono accusate di riciclaggioemissione di fatture false e truffa aggravata ai danni dello Stato per circa 1 milione di euro.

Ius aveva prelevato il club da un altro imprenditore romano, finito al centro delle cronache per aver tentato di rilevare altri club con un altro nome.  Il Foligno calcio partecipa al campionato di D, ma dall'inizio dell'anno non era riuscito a pagare i rimborsi di giocatori e tecnici, che qualche settimana fa sono stati liberati. La squadra, allenata da Angelini, disputa il campionato con i ragazzi del settore giovanile.

Per il Foligno e i suoi tifosi la notizia lascia indifferenti, visto che erano in tanti a invocare il fallimento del club per ripartire dalle categorie regionali.



 

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545