Skin ADV

IL PUNTO - Le risposte di Cittadella: 3-5-2 rimandato, ecco come può migliorare (FOTO)

 

 

Il Perugia di Cittadella è tornato  a casa con pochi complimenti, ma con un punto d'oro che da un senso compiuto alla straordinaria vittoria di Avellino. È stata una gara completamente diversa rispetto a quella del Partenio: innanzitutto l'avversario è di altra levatura , poi il Perugia riproponeva si il 3-5-1-1 ma con quattro nuovi interpreti. Si può dire che la difesa fosse nuovamente tutta nuova e che i cambiamenti riguardassero anche centrocampo e attacco. Inoltre dopo nemmeno mezz'ora di gioco Bucchi ha dovuto rinunciare anche a Dezi, uno dei pochi "titolari inamovibili".

Il Cittadella è stato bravo a togliere il possesso palla al Perugia, la sua migliore qualità e lo ha costretto ad abbassare la linea difensiva . Bucchi aveva poche carte da giocarsi, avendo in panchina solo punte e seconde punte (Nicastro, Forte, Guberti) e nessun vero esterno di ruolo. Ha fatto bene dunque il tecnico a tornare al 4-3-3, spostando Fazzi a destra e limitandosi all'indispensabile (Nicastro e Guberti per Terrani e Mustacchio).

Insomma una partita così ci può stare: il Perugia l'ha giocata alla Bisoli, difendendosi basso e cercando di tanto in tanto di ripartire, pur con difficoltà non essendo abituato a giocare di rimessa e on avendo contropiedisti di fama. Ed è per questa ragione che la squadra biancorossa va promossa, perché dopo il pari su rigore dell'ottimo Di Carmine è riuscita a riportare a casa un risultato importantissimo e a tenere botta dentro la sua metà campo, respingendo ogni assalto e neutralizzando le palle inattive, punto di forza degli uomini di Venturato. E quando la situazione stava per precipitare, ci ha pensato Brignoli a togliere le cosiddette castagne dal fuoco.

La sfida del Tombolato non ha bocciato il 3-5-2, ma solamente chiarito che alcuni interpreti devono ancora crescere nel l'interpretazione del modulo, come ad esempio Volta , ma soprattutto Monaco. Inoltre Di Chiara può fare benissimo il terzo difensore, ma il Perugia ha bisogno di lui sulla fascia, mentre Del Prete è uno di quei giocatori a cui non si può rinunciare a cuor leggero (ma anche Nicastro). Il Cittadella , a Cittadella, era un banco di prova proibitivo: gli uomini di Bucchi non hanno brillato, ma l'hanno superato riportando a casa un punto pesante . Ed è questo quello che conta.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545