Skin ADV

Riforma mutualità: Serie B a rischio crac. (LM&Partners)

 

 

di Leonardo Racana (LM&Partners)

La mutualità fu istituita nel 2008 col decreto Melandri : era un contributo a carico del campionato di serie A pari al 10% dei ricavi daidiritti tv a favore delle squadre professionistiche di serie b e lega pro.

Una parte di questo, pari al 4%, destinata alla mutualità generale e cioè da destinarsi allo sviluppo dei settori giovanili e al sostegno degli investimenti per la sicurezza degli impianti sportivi. Il restante 6% andava alla cosidetta mutualità CPI e poteva essere utilizzata anche a copertura dei costi di gestione.

Con la riforma introdotta dal decreto fiscale ,collegato alla legge di stabilità,viene abolita la mutualitàCPI  e rimane in vigore solo la mutualitàgenerale; quindi l ‘intero contributo che rimane del 10% deve essere destinato esclusivamente alle infrastrutture e allo sviluppo del settore giovanile previa rendicontazione.

Di conseguenza verranno a mancare nelle casse di ciascuna società di Serie B   qualcosa come 1ml800mila euro visto che l’ammontare complessivo del contributo CPI per la Serie  B era pari a 40milioni di euro.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545