Skin ADV

Bucchi: "Vi spiego i gol subiti con il Pisa. Le parole del presidente..."(FOTO)

 

 

QUESTE LE PAROLE DI CRISTIAN BUCCHI IN CONFERENZA STAMPA:


"Del Prete probabilmente non partirà, ha un piccolo affaticamento da sovraccarico e vedremo se riusciremo a recuperarlo per Ascoli. Non ci sarà Brignoli mentre Mancini giocherà con la primavera perché ha bisogno di minutaggio. Ho due tre dubbi, mentre Dezi sta bene. L'altra sera e entrato un po' titubante, potrebbe partite dall'inzio.

Questo Trapani sta giocando buon calcio e con grande aggressività, anche per le esigenze di classifica. Hanno giocatori di valore, hanno trovato una quadratura e una delle più in forma del momento. Li rispettiamo, è una partita complicata come tutte quelle che avremo da qui alla fine.
Calori abbiamo giocato insieme un mese all'epoca di Mazzone, sarà un piacere ritrovarlo. Il modulo? Non credo che si discosterà da quello che abbiamo fatto recentemente, cercheremo di soffocare il loro ritmo e imporre il nostro. Stamani abbiamo fatto un test salivare e abbiamo visto che hanno recuperato tutti. I calo c'è stato solo in alcune fasi della partita, ed è fisiologico: in alcuni momenti dobbiamo rifiatare ed in quei momenti dobbiamo gestire. Purtroppo abbiamo concesso poco, ma quel poco il Pisa l'ha sfruttato. Il Pisa è una squadra che ha messo in difficolta tantI avversari. Sul primo gol non ci sono colpevoli, ci sono giocatori preposti ad uscire ma dobbiamo dare merito a Di Tacchio.

Sul 2-2 il secondo ed il terzo uomo hanno sbagliato il movimento, dovevano scappare e conservare la linea e non permettere che si aprissero degli spazi. Cosa che invece si è verificata. Noi facciamo tre tipi zona, a seconda della punizione del pallone. Non mi piace mescolare marcature a uomo e zona. Ricordo che a Brescia e Chiavari abbiamo marcato a uomo e abbiamo preso gol. A zona invece avevamo subito solo ad Ascoli, quindi con questo sistema avevamo trovato solo certezze.
Ero rientrato nello spogliatoio amareggiato per il risultato: con il Pisa abbiamo fatto 70 minuti di tranquillità, che ci sta se si giocano partite ravvicinate. Non eravamo arrembanti, ma il Pisa, pur attaccando, non era stato mai pericoloso. Il gol non era in qualche modo nell'aria:
I ragazzi erano sconfortati e amareggiati, ma il giorno dopo già carichi per ripartire.

 

Le parole di Santopadre? Credo che un presidente abbia diritto di dire ciò che pensa: credo però che a questa squadra non manchi coraggio, molti giocatori hanno giocato in condizioni non ottimali. Il presidente forse intendeva dire "osare": il nostro obiettivo era la salvezza, l'abbiamo raggiunta e adesso oggi siamo tutti convinti che il primo obiettivo siano i play off, poi cercheremo di trovare il miglior posizionamento possibile e quindi puntare alla Serie A . Giocare con quattro punte significa, a volte, esporsi a dei rischi. Per schierarle devo avere la certezza che la squadra riesca a sorreggerle.

Noi come Spal, Frosinone e Verona? Non credo che il presidente abbia voluto dire questo, altrimenti significherebbe che non abbiamo fatto un buon lavoro. Credo che invece che abbia voluto dire che sul campo ci siamo meritati di essere messi al loro livello. Questo deve diventare un carico di entusiasmo e non una zavorra: abbiamo fatto tantissime buone cose e altre in cui dovremo migliorare".

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545