Skin ADV

Bucchi: Siamo a 540 minuti dalla Serie A, Benevento e Carpi...(FOTO)

 

 

 

QUESTE LE PAROLE DI CRISTIAN BUCCHI ALLA VIGILIA DI LATINA PERUGIA

Siamo a 540 minuti dalla Serie A. Sono tutti convocati e a disposizione, esclusi i soliti Fazzi, Belmonte e Rosati ai quali si aggiunge lo squalificato Di Carmine.

Del Prete e Gnahorè cercheranno di esserci ma domani ne sapremo di più.

Dobbiamo pensare a vincere a Latina e poi con la Salernitana; sappiamo che non dipende solo da noi ma intanto facciamo il possibile. Questi primi 90 minuti saranno difficilissimi, il Latina sta giocando un buon calcio, in modo dignitoso nonostante la retrocessone.
Sono sempre stato con i piedi per terra senza alzare troppo l'asticella: raggiunto l'obbiettivo playoff, penseremo ad andare in Serie A. Intanto pensiamo che domani la partita sarà come una preparazione ai playoff: sono tutte partite da dentro o fuori.

Le motivazioni con cui entri in campo possono spostare l'ago della bilancia, determinando il risultato; dobbiamo essere bravi a non concedere nulla ad una squadra che è brava in fase propositiva.

Io non mi aspetto aiuti, se Benevento e Carpi vincono, aiutano se stesse; ormai la questione playoff non dipende solo da noi. Anche la Spal ha due partiti difficili, con la Ternana in piena lotta salvezza, con la quale sarà difficile scontrarsi al Liberati. Speriamo che qualche incidente di percorso capiti a chi ha avuto sempre tutto liscio.

Il modulo? Io non faccio pretattica, posso modificare l'assetto tattico anche in partita in corso; sul posizionamento di Di Chiara vedremo domani, anche perché ci sono altre situazioni un po' problematiche da valutare oltre a quella di Del Prete. Ad esempio, Mustacchio, Mancini, Brighi sono un po' sovraccaricati; Monaco invece sta bene.
Nel caso in cui non ci fosse Del Prete, non avremmo terzini destri di ruolo e Volta potrebbe essere riadattato in quella posizione; ha giocato anche in Champions League con la Sampdoria in quel ruolo quindi può tranquillamente riadattarsi. Anche lui però non é al 100%. Mustacchio non giocherà sulla linea dei trequattristi ma da esterno in un centrocampo non ancora definito numericamente.

A Latina, ritroveró Bonaiuto a metà perché si è dovuto operare e non ci sarà; lui non é stato proprio bocciato a Gennaio, ha delle buone caratteristiche ma dopo 3 anni insieme, aveva bisogno di nuovi stimoli. Deve ancora crescere.

Abbiamo un organico pieno di giocatori carismatici, sia giovani che più anziani; nessuno si è mai risparmiato ed hanno dato più di quello che io chiedevo ogni volta.

Le voci sul mio futuro? A me non disturbano, ora le mie attenzioni sono concentrate su questo finale di campionato. Voglio andare in Serie A con il Perugia e restare. Con la società parlerò più avanti quindi per ora lavoriamo con grande serenità.

Domani ci sarà un numero limitato di tifosi, sui 400 biglietti concessi, ma sono sicuro che giocheremo in casa; ci sono sempre e ci sostengono, come a Vercelli e sono sicuro che ci daranno una grossa mano. (C.P.) 

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545