Skin ADV

Grifo, cena di congedo. Bucchi e Santopadre, le ultime sul futuro (FOTO)

 

Una cosa è certa: il prossimo fine settimana il Perugia annuncerà il nome dell'allenatore che guiderà i grifoni nel prossimo campionato di Serie B.

Molto difficile che sarà ancora Cristian Bucchi nonostante  il clima di grande distensione  nella  cena di fine campionato svolta ieri sera  a poche centinaia di metri dallo stadio "Curi".

Bucchi e Santopadre erano seduti fianco a fianco come se stessero programmando il prossimo campionato: in realtà  il feeling tra il presidente e l'allenatore marchigiano è tale tanto da dirsi reciprocamente e liberamente "guardiamoci intorno", in attesa della decisione finale attesa per metà settimana. Santopadre non vuole "tarpare le ali" al tecnico, in ballo per l'importante panchina del Sassuolo; viceversa Bucchi sa perfettamente che il Perugia ha già una  lista dei papabili successori. Lunedì i dirigenti del Sassuolo  Angelozzi e Carnevali relazioneranno il presidente Squinzi, l'unico a cui spetta l'ultima parola. Su Bucchi però si sarebbero mossi anche  Bari e Frosinone, decisi a rilanciarsi in grande stile. Insomma a lui le offerte non mancano.

Perché  Bucchi sta per lasciare il Perugia? Il motivo è abbastanza semplice: il tecnico sente che sarebbe chiamato a ripetere  il grande  campionato appena concluso e per farlo  ritiene sia indispensabile una conferma  quasi in blocco dei migliori e l'inserimento  di due tre tasselli  per consentire al Perugia di disputare una stagione  ancor più di vertice. 

Santopadre invece non può dare carta bianca agli allenatori, nemmeno ad un Bucchi che ha dimostrato di essere  "il migliore di tutti " su tanti aspetti: la regola è essere ambiziosi  investendo in maniera oculata ed intelligente, senza fare il passo più lungo della gamba. Vale la pena ricordare che a gennaio il Perugia  ha realizzato diverse plusvalenze e alla fine la rosa  è stata mantenuta sugli stessi livelli se non di più. E ' questa "la politica" ed oggi è difficile trovare un punto d'incontro, sebbene la grande stima e la volontà reciproche  di rendere il Perugia più forte. 

Chi ci sarà al posto di Bucchi qualora dicesse addio? Goretti lavora sottotraccia e mai come questa volta sarà una scelta "campale", vista la grande stagione e il grande impatto mediatico e la personalità esibite dal tecnico nato a Roma, marchigiano doc  e trapiantato a Cesena.

L'allenatore  del nuovo Grifo non sarà probabilmente di grido, ma dovrà essere in  grado di sposare appieno la filosofia lavorando a testa bassa come ha fatto Bucchi, che oggi è supercelebrato, ma che all'inizio  fu accolto con curiosità e anche una buona dose di scetticismo. 

Il Perugia non prenderà Stellone e Fabio Grosso,  sono confermati gli interessamenti per Giunti, Magi e Grassadonia, mentre sarebbero in calo le quotazioni di Vincenzo  Vivarini del Latina. L'allenatore infatti dovrebbe arrivare dalla Lega Pro, la scelta sarebbe stata già stata presa ed aspetta  solo di essere ufficializzata, non appena arriverà la risposta definitiva di Bucchi.

Il nome del nuovo tecnico  però potrebbe ancora non essere uscito sui giornali e i siti specializzati. L'unico che può saperlo è  Roberto Goretti, colui chiamato a migliorare l'organico scegliendo l'allenatore ideale con un occhio sempre attento alle  esigenze di bilancio di Santopadre. Una grande  responsabilità a cui Goretti non si è mai sottratto, tanto da essere ritenuto insieme a Pizzimenti l' unico  tassello della parte tecnica che il presidente ritiene veramente insostituibile, avendo ottenuto  sempre risultati obiettivamente   lusinghieri ad ogni voce. L'ultimo profilo accostabile   è Massimiliano Alvini dell'Albinoleffe, portata ai play off dopo il ripescaggio in Lega Pro.

Ieri sera è stata la serata dei saluti anche per molti grifoni, come Nicastro, Dezi, Acampora e Mancini,  destinati a lasciare Pian di Massiano.Per il resto la squadra dovrebbe essere confermata quasi in blocco, anche se il Perugia si sta preparando a  ricevere  l'assalto di molti club a Gianluca Di Chiara, che dopo il grande campionato disputato è corteggiatissimo ed ha estimatori anche in Serie A. Trattenerlo sarà difficile, ma Santopadre vuole bei soldi e la sua cessione non è scontata.

Con la cena di ieri sera è stata scritta probabilmente la parola fine ad un capitolo importante della storia recente del Grifo, ma Santopadre, Goretti e Pizzimenti sono già al lavoro  con le stesse ambizioni di sempre.

Sostituire Bucchi non sarà facile, ma la curiosità è tanta e sarà soddisfatta entro pochi giorni. 

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545