Skin ADV

Notiziario Ternana: Gli esterni chiave del gioco, Falletti unico vero dubbio

Falletti o Signorelli, l'adduttore di Avenatti e l'attacco influenzale di Vitale.Sono questi i principali dubbi del tecnico rossoverde Roberto Breda a meno di due giorni dal derby umbro.


AVENATTI 

A Terni non ci sono particolari timori: l'uscita dal campo di ieri per un fastidio all'adduttore e' stata solo a titolo precauzionale e sabato il panzer uruguagio dovrebbe esse  regolarmente al centro dell'attacco. Oggi la squadra si è allenata a porte chiuse e le bocche sono cucite. Ma c'è' chi giura che Avenatti si sia allenato.

 

VITALE  

Anche il capitano ha qualche problema, una fastidiosa influenza sta compromettendo la sua settimana di lavoro: Breda conta di recuperarlo, in caso contrario pronti Valjent e Meccariello

 

FALLETTI O SIGNORELLI  

Ma il vero dubbio di Breda e' proprio questo: l'infortunio di Ceravolo (che proverà ad andare in panchina) e le poche alternative in attacco potrebbero indurre il tecnico e tenere Falletti in panchina, con la possibilità di un utilizzo in corso in caso di necessità. L'uruguagio merita la maglia di titolare, ma con il solo Duganzic disponibile e con Ceravolo in forte dubbio e comunque a rischio ricaduta (problemi al polpaccio) Breda non avrebbe soluzioni da adottare in corsa.Ecco perché Signorelli ha le stesse possibilità di giocare di Falletti, pur avendo caratteristiche diverse.Va ricordato però che Falletti è' stato più incisivo quando è entrato in corsa.


BELLONI E FURLAN, LA CHIAVE ROSSOVERDE.

Sono  due le vere armi di Breda: gli esterni offensivi del 4-2-3-1  stanno interpretando alla perfezione ciò che vuole il tecnico.Incisivi e pericolosi in fase offensiva, quanto generosi nella fase di non possesso ripiegando sulla linea dei centrocampisti e facendo variare il modulo in un 4-4-1-1Belloni e ' l'esterno destro, ma gioca contromano per tornare sul sinistro.Accentrandosi ama "richiamare" fuori area Avenatti, che è uno stoccatore pur amando agire da falso nove per suggerire gli inserimenti dei compagni.Identico discorso per Furlan, che è un destro ma gioca a sinistra.Con il piede meno caldo ha però liftato un cross perfetto per Belloni in occasione della rete dell'1-0 contro il Bari. 

 

DIFESA, CON BREDA PUNTO DI FORZA

Ma è anche la fase difensiva uno dei punti di forza della squadra.Breda fa giocare la Ternana in trenta metri, con i due esterni che danno una grossa mano in fase passiva.Gonzalez e Masi (entrambi destri) hanno preso il posto di Meccariello e Valjient.Quest'ultimo, limitato dagli impegni in nazionale, e' stato poco tempo a disposizione di Breda e le buone prestazioni di Gonzales e Masi hanno fatto il resto.Valjient resta un jolly di grande spessore a disposizione di Breda, che può utilizzarlo anche a metà campo. In tre partite con il nuovo tecnico, a parte due grandi parate di Mazzoni all'esordio contro il Novara e ilgol subito a La Spezia nell'unica conclusione dei liguri ,la Ternana non ha  praticamente subito un tiro in porta.Completano il reparto Zanon a destra e Vitale, con il primo più completo nelle due fasi e il secondo più propenso al quella offensiva.Busellato e Coppola sono i due mediani, che garantiscono alla squadra i giusti equilibri.

 

PUNTO DEBOLE, LA POSSIBILE EMERGENZA ATTACCO

Se il problema di Avenatti fosse più grave del previsto per Breda sarebbero guai seri con Ceravolo out.L'unica alternativa sarebbe Duganzic, un gigante che però ancora  ha dimostrato di essere all'altezza dei compagni di reparto. Al gran completo per la  Ternana parlano i numeri, con 5 gol fatti e 1 subito in 3 partite (gestione Breda).

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545