Skin ADV

PAGELLE: Cerri che assist e Falco...vola. Dossena e Monaco perfetti (FOTO CERQUIGLINI)

 

ROSATI: 6

L’Ascoli conclude in porta un paio di volte, è in posizione sul colpo di testa insidioso di Varela 

DEL PRETE: 6

Parte dal suo cross l’azione più pericolosa del Perugia, che si conclude con il colpo di testa di Di Carmine (‘17). Nel secondo tempo suona la carica duettando con Falco. Ci mette personalità anche se ancora non è al top

DOSSENA: 6,5

Dopo la serata incubo di Udine Breda gli rinnova la fiducia. Gioca badando al sodo concedendosi qualche lancio in avanti. E nel finale mette la museruola a Perez. 

MONACO: 7

Questa sera è  lui il gregario. Ci mette il fisico e con due interventi prodigiosi si merita di essere il migliore dei grifoni. 

PAJAC: 5,5

Soffre  la vivacità di Mogos che lo mette alle corde. Non sta benissimo e si vede anche se tiene botta fino alla fine

BANDINELLI: 6

Nel primo tempo non offende come vorrebbe e deve aiutare Pajac in evidente difficoltà. Il suo contributo è sempre fondamentale, al 56’ mette un pallone d’oro per Di Carmine. Di lui piace la tenacia con cui combatte su ogni pallone. 

BRIGHI: 5,5

Alla ricerca della posizione, questo gioco non valorizza le sue caratteristiche. Non sta benissimo e la serata fredda lo frena

(59’ FALCO: 7 Il suo ingresso cambia la partita, ci mette tanta voglia e alla fine viene ripagato con la rete della vittoria. Un gol per cambiare la sua stagione è quella del Perugia )

COLOMBATTO: 6,5

Resta basso  davanti alla difesa da “metodista” perché è l’Ascoli a fare la partita. Insieme a Bandinelli regge il centrocampo nel convulso finale

BUONAIUTO: 5,5

Si fa vedere poco, al 29’  è sfortunato perché  non riesce  a chiudere  una grande  azione progressione personals . Prende un colpo e ne risente. Nella ripresa si spegne piano piano

(80’ CERRI: 7 Entra e decide con l’assist decisivo. Meriterebbe di giocare di più )

HAN: 5,5 Anche lui in calo, ci mette tanto impegno ma non basta. Meglio nella ripresa quando parte più largo.

(83’ TERRANI: sv) 

DI CARMINE: 6

Come al solito è sempre da solo lì davanti. Non è lui che dovrebbe crossare e poi le palle lunghe non le digerisce. Ci prova dalla distanza ma senza fortuna. Serata difficile.

BREDA: 6

Mette un campo il consueto 4-3-3. La squadra nel primo tempo subisce l’Ascoli e non trova mai il “bandolo” della matassa. Nella ripresa osa e vince con i cambi. Il Perugia questa volta non gioca bene, ma legge bene la situazione. 

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545