Skin ADV

Bisoli punta il Cagliari: "Perugia non fermarti. Zebli titolare"

Ecco le dichiarazioni di Pierpaolo Bisoli nella conferenza stampa alla vigilia della sfida di domani sera al Curi contro il Cagliari:  "Vincere la gara di Terni ci ha dato grande entusiasmo e mi sono stupito di tutto il calore dei tifosi, che ci hanno aspettato in mille come se avessimo vinto il campionato. Siamo stati bravi a curare i particolari vincendo tutti i contrasti e ripulendo al meglio tutti i palloni. Peccato aver perso Lanzafame per squalificaSiamo in ottime condizioni fisiche e l'emblema è Ardemagni, perché per la prima volta  inizia a mettere in pratica il lavoro fatto fin dall'estate e a ad essere brillante per 90'.Domani contro il Cagliari, vera corazzata della B, dovremo essere bravi a mantenere un'intensità altissima.Cagliari nel cuore: lì sono diventato calciatore, ho raggiunto la Uefa e li' sono nati i miei figli. Da allenatore, anche se tutti pensa o il contrario, la ritengo un'esperienza positivaIo però voglio vincere per il mio Perugia e per i miei tifosi che mi hanno emozionato: non mi importa se c'è di fronte il Valfabbrica o il Cagliari. Sabato notte ho visto la partita vinta dai sardi contro il Trapani, che ha sbagliato cercando di fare gioco da dietro perché il Cagliari al primo errore ti castiga.Tattica? A Terni abbiamo proposto un paio di situazioni e dovrò essere bravo a creare una sintesi, dando linee guida di semplicità cercando di far rendere al meglio i giocatori. Spinazzola per esempio rende al meglio da esterno che da mezzala, almeno a inizio partita. Aspettatevi comunque delle sorprese sia a livello di uomini che di situazioni. Zebli giocherà titolare, anche se nob so dove perché ha le qualità per giocare tutti i ruoli di centrocampo, anche come vertice alto. Ha senso della posizione, resistenza e qualità: dovrà essere bravo a gestire le emozioni con l'aiuto della squadra.Fabinho? Ovviamente ancora non è al top della condizione, ma lui può accendere la gara da un momento all'altro e mette apprensione agli altri, oltre a sacrificarsi in copertura. Le due vittorie sono arrivate con Fabinho in campo e anche aTerni l'azione del rigore è nata da una sua giocata individuale: avrei voluto averlo in tante gare finite 0-0. L'unico dubbio è capire come può rendere entrando in corsa, perché non l'ho mai visto a differenza di Drolè che subentrando può far male.A Terni secondo me non abbiamo giocato bene come altre volte, solo a Pescara abbiamo fatto peggio. Al Liberati però la differenza è stata che il nostro centravanti ha avuo 4 occasioni da rete: questo perché ho cercato di cambiare qualcosa Parigini? Domani può essere titolare se oggi mi dimostrerà di voler giocare per il Perugia come ha fatto Ardemagni pressando il mediano basso per 8 partite o Spinazzola sacrificandosi in diversi ruolo. Se a Parigini gli chiedo di fare l'esteno o il trequartista atipico lo deve fare, cone si adatta in Under 21. Lui è bravissimo ma ancora gioca troppo per se stesso, deve invece giocare per il Perugia e così farà strada. Io se devo fare il magazziniere o portarmi la borsa da solo per il Grifo lo faccio. Solo il presidente deve fare il presidente, gli altri devono essere pronti a tutto per questi colori.Turnover in vista anche della trasferta di sabato a Salerno? Se non ci fossero infortunati potrei non cambiare per tre gare, perché in estate abbiamo lavorato alla grande e siamo in una condizione per giocare i trittici con la sigaretta in bocca. La dimostrazione è stata la gara di Cesena, ultima del precedente tour de force in cui abbiamo tenuto ritmi altissimi per 90'.La sintonia tra Drolè e Zebli? Il primo dopo il derby mi ha commosso abbracciandomi come fossi suo padre: loro due hanno la stessa cultura e sono un patrimonio importantissimo per il futuro del Perugia".

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545