Skin ADV

Perugia, uno strano silenzio che sa di pretattica

Un silenzio che sa di pretattica quello del Perugia che fa rotta su Salerno dopo la vittoria nel derby e il convincente pareggio sul Cagliari. E' infatti un Grifo blindatissimo quello che è salpato ieri alla volta di Roma, con la scelta del ritiro anticipato che lascia capire l'importanza data alla trasferta dell'Arechi dal club di Pian di Massiano.

La società biancorossa non ha nemmeno comunicato quali fossero i calciatori partiti per il Park Hotel Mancini e solo oggi ha stilato la lista dei convocati (tra i 21 ci sono anche Fabinho, Spinazzola e Rossi che erano in dubbio), alla vigilia di un match in cui la dirigenza ha scelto di non far parlare Bisoli nella classica conferenza stampa prepartita, consuetudine di tutti i club soprattutto in una categoria importante come la Serie B.

E a poco vale la giustificazione della distanza geografica, perché nell'era dei telefoni cellulari e di internet sarebbe bastato poco, anche un semplice comunicato ufficiale, per far conoscere ai tifosi biancorossi le intenzioni di Bisoli e il modo in cui la squadra sta approcciando il match contro i campani.
E pensare che il tecnico ha sempre detto di voler aprire le porte ai suoi allenamenti, adeguandosi però alla filosofia della società che li vuole chiusi.

Un clima difficile per chi come noi cerca di informare gli appassionati biancorossi, ma anche per i colleghi campani che non hanno compreso le ragioni di questa chiusura, e forse strano dopo l'entusiasmo generato dal derby vinto e dalla buona prestazione contro il Cagliari.

Una decisione difficile da comprendere anche se potrebbe essere semplicemente un modo per non dare punti di riferimento o notizie agli avvesari, perché dall'Arechi passa la definitiva uscita dalla crisi di un Grifo che da domani spera di iniziare un nuovo campionato e di lanciarsi alla rincorsa delle posizioni nobili della classifica.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545