Skin ADV

VOLLEY: Sir tricolore, tabù vittoria sfatato con storico triplete (FOTO CERQUIGLINI)

La Sir Safety Conad è campione d’Italia ed entra di diritto nella storia della pallavolo italiana, coronando una stagione strepitosa battendo 3-0 in gara 5 i Campioni d’Italia uscenti  della Lube Civitanova: partita da Bastia e trasferitasi a Perugia in pochi anni la società di Gino Sirci è arrivata nell’Olimpo della Pallavolo dopo due finali perse e un secondo posto Champions.

Uomini simbolo capitan De Cecco, lo spoletino Zaystev (decisivo in gara 5) e il serbo Alexandar Atanasijevic, arrivato a Perugia giovane promessa è diventato uno dei simboli dei Block Devils. Li ha guidato Lorenzo Bernardi, icona del volley italiano che in pochi mesi ha fato dimenticare Boban Kovac, tecnico dei  primi grandi traguardi (anche la promozioni dalla A/2). È stata una partita tiratissima dove la Sir ha spadroneggiato dove in passato era mancata, nei momenti clou.

La cronaca :Parte meglio la Lube (4-7), Atanasijevic pareggia (8-8) ma i marchigiani riscappano via (8-11).La Sir sente la gara è sbaglia alcuni attacchi per riaccorciare le distanze (13-16) e a fatica rimane agganciata alla Lube. Anzani mura Juantorena (-1) e Atananasijevic pareggia al servizio (18 pari). Ci vuole un po’ di fortuna, quella che aiuta Russell con un due ace, il primo con l’aiuto del nastro (21-19).Si gioca punto su punto, con la Sir che trovato il vantaggio gioca con più scioltezza, conquista il primo set point e chiude con Russell grazie al servIzio di Zaystev (25-22)

Secondo set: è ancora la Lube a ripartire meglio (0-3 e 4-7), Podrascanin mura Sokolov e e Juantorena, quindi Atanasijevic pareggia (8 pari). Bernardi ha già mandato in campo Berger per Russell. Sembra il primo set: la Lube riprova a riscappare, ma la Sir si rifà sotto con Anzani,  un invasione di Christenson e un attacco a salve di Sokolov (14-12). Pochi attimi e Kovar firma il controsorpasso (14-15), ma la Sir resta con la testa in partita anche grazie a Berger. Podrascanin mura Sokolov mal servito da Christenson (19-17) quindi sale in cattedra  Ivan Zaystev a cui De Cecco affida i palloni pesanti. La Lube va in crisi sul servizio di Anzani (21-17), riguadagna due break ma nell’azione più importante del set Zaystev tocca a muro, Colaci recupera e Atanasijevic affonda (22-19). I marchigiani sono in vena di regali: Juantorena ha la palla del pari ma fa invasione (23-21) Stankovic sbaglia il primo tempo andando a vuoto  e regala due set point alla Sir che chiude con l’attacco di Atanasijevic (25-23).

Terzo set: Questa volta e la Sir a partire meglio , Atanasijevic e Berger firmano i primi tre break (6-2) con il serbo al servizio. La Lube sembra ko (-4) ma recupera tre punti (10-8).Zaystev riallunga a muro (11-8), la pipe di Berger tiene a distanza la Lube (11-9). Kovar mura Atanasijevic (14-12) e tiene in piedi la Lube anche dopo (17-15). I marchigiani forzano a servizio ma sbagliano molto, poi si rifanno sotto con un muro su Atanasijevic. I cucinieri hanno l’attacco del pareggio, ma Podrascanin alza il muro (19-17) poi Juantorena spara fuori (20-17) sul servizio di Zaystev. La Lube però pareggia (21-21), Atanasijevic interrompe l’emorragia sul servizio di Juantorena. Polemiche a videocheck che assegna il pari alla Lube, si gioca sul filo (23 pari) Anzani sbaglia il primo tempo (23-24), Sokolov sbaglia il successivo servizio del primo set point. La Lube non riesce ad attaccare il secondo set point e in un battibaleno Zaystev ribalta tutto e regala il match point che lo stesso Zar  sfrutta con l’ultimo Storico attacco (26-24).

La Sir Safety è Campione d’Italia, come nella pallavolo femminile accadde alla Sirio. Perugia è di nuovo  “Capitale” con Scudetto, Supercopppa e Coppa Italia. In attesa della final four di Champions... il sogno continua.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545