Skin ADV

PAGELLE - Grifo frenato dall'ansia, Del Prete ultimo ad arrendersi

BRIGNOLI 6 Lopez prova a sorprenderlo subito ma è ben posizionato e si rifugia in corner. Poco impegnaro, sbriga l'ordinaria amministrazione senza affanni e al 73' salva il risultato su una botta di Chibsah e al 77' sull'incornata di Puscas da calcio d'angolo. Ma poco è costretto ad arrendersi allo stesso centravanti.

DEL PRETE 6,5 Già nel primo tempo è lui a pennellare il cross sprecato da Di Carmine per l'unica nitida chance creata prima del riposo. In avvio di ripresa poi da vero capitano dà la scossa con una fuga che porta all'ammonizione di Eramo, un altro traversone pericolosissimo e un tap-in in mischia fuori di un soffio.

VOLTA 6 Si divide l'unica punta avversaria Puscas con Mancini e con il Benevento molto coperto non fatica a mettergli la museruola. Fatica di più al momento di impostare da dietro. (dal 76' GUBERTI sv Troppo poco tempo per poter incidere).

MANCINI 6 Si prende una gomitata da Puscas al 10' ma si rialza senza battere ciglio e torna a lottare nell'arena con una vistosa benda in testa. Grintoso e attento, provvidenziale un suo intervento a liberare l'area . Marcando a zona non poteva fare di meglio sul gol di Puskas

DI CHIARA 6,5 Suo il primo squillo perugino nel primo tempo: una punizione a giro al 27' indirizzata all'incrocio ma troppo lenta per impensierire davvero Cragno. Non lesina corsa e sacrificii ma pare meno lucido del solito e al 57' una sua indecisione di in fase di uscita rischia di costare cara. A metà ripresa un suo tiro cross per poco non beffa Cragno.

BRIGHI 5,5 Spento e fuori fase come il resto della squadra nel primo tempo, prima del riposo alza bandiera bianca per un problema fisico. Condizionato (dal 41' ACAMPORA 6 Inizia la ripresa con un bell'inserimento e un velenoso cross basso non sfruttato dai compagni ma 56' - in un eccesso di foga - lancia involontariamente Cissè verso la porta di Brignoli: un errore del guardalinee (che segnala il fuorigioco) salva però il Grifo. Ammonito al 65' per un fallo tattico, prova invano a dare sostanza e ritmo alla manovra del Grifo).

RICCI 5,5 Preferito a Gnahore, nel delicato ruolo di regista gioca pochi palloni ma tutti precisi. Il problema è che la sua zona è presidiatissima e lui fatica a entrare nel gioco. Cresce un po' con il passare dei minuti, se non altro in fase di tamponamento ma nella ripresa viene 'sacrificato' per lasciare spazio a una punta (dal 62' MUSTACCHIO 6 Entra nella fase più difficile della partita e ha il merito di riaccendere le speranze biancorosse contribuendo  in mischia al 90' al gol dell'1-1.

DEZI 5,5 Alla mezzora sembra voler scaldare il piede con una bella girata di destro alta di poco e sembra il più reattivo dei tre mediani (al 40' spende il giallo per fermare partito in contropiede, ma nella ripresa cala .

NICASTRO 5,5 Isolato e immalinconito sulla destra, praticamente non vede palla per un'ora. Al 62' prima chance ma si fa murare il sinistro dal limite, un minuti dopo è invece pregevole il suo tentativo in rovesciata con la palla fuori di centimetri. Quando Bucchi lo accentra entra in partita ma è troppo centrale il suo colpo di testa all'86' e Cragno gli dice no anche un minuto su una deviazione ravvicinata, poi segna il gol della speranza

DI CARMINE 5,5 Movimento, sponde e sacrificio ma pochi rifornimenti almeno fino al 32', quando tutto solo in area ne spreca di testa su cross perfetto di Del Prete l'unica palla gol della sua partita. Nella ripresa infatti il copione non cambia e non gliene arriva più neanche una.

TERRANI 5,5 Non pervenuto nella prima parte di gara, Bucchi lo tiene in campo e nella ripresa sembra svegliarsi con un paio di spunti pericolosi. Al 71' però calcia malamente in curva un rigore in movimento su sponda di Di Carmine. In pieno recupero spreca malamente l'ultima possibilità.

ALL. BUCCHI 5,5 Ricci per Gnahore è l'unico cambio nel 4-3-3 rispetto alla gara di Benevento, ma la squadra approccia questa gara decisiva con troppo timore e gioca frenata dall'ansia. All'intervallo riesce a scuoterla un po' e le prova tutte, passando in corsa al 4-2-3-1 e nel finale a uno spregiudicatissimo 3-2-4-1 con l'ingresso (forse un po' tardivo) di Guberti (forse avrebbe dovuto tenere Volta) Il Grifo  in preda anche al nervosismo, rischia tantissimo sulle palle inattive e  incassa  il gol di Puscas. Al 90' arriva l'1-1 ma è troppo tardi per rimediare e il finale è amaro in una stagione comunque emozionante che vede il Perugia uscire comunque tra gli applausi della Nord. Con le sirene del Sassuolo a tentarlo per quanto fatto vedere al suo primo anno di B, il suo futuro è ancora da decifrare ma merita un applauso. 

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545