Skin ADV

PAGELLE: Riscatto Rosati, Cerri entra e segna (FOTO CERQUIGLINI)

ROSATI: 7

Dopo mesi di pesanti critiche il numero 1 perugino si riscatta con una super prestazione.
Tre gli interventi decisivi.

ZANON: 6
Impegnato più nella fase di contenimento per permettere a Pajac di spingere da l’altro lato. Fa il suo compito e non sbaglia.

VOLTA: 5,5
Controlla senza problemi, fino alla prima occasione, che sbaglia insieme al suo compagno di reparto e lasciano solo l’attaccante irpino. Peccato l’errore che ha determinato la gara

MONACO: 5,5
Troppi lanci. Al 39’ sbaglia un gol quasi fatto su l’assist di Mustacchio. Si perde Ardemagni nel gol che regala il vantaggio a l’Avellino. Come per il compagno di reparto pesa la disattenzione nel primo gol.

PAJAC: 6
Ottimo il cross al ‘18 per Di Carmine. Grazie a Zanon che rimane arretrato si può permettere di spingere più in fase offensiva. Quando è il momento di spingere lui cala.

BRIGHI: 6
Soffre di più con il nuovo modulo perché il compagno di reparto non si è ancora ben adattato al centrocampo a due. Gara da gregario

BANDINELLI:6
Falloso. Frenato dal modulo tattico che non gli permette i suoi continui inserimenti. Rientra nel secondo tempo più determinato e deciso, al 52’ mette una palla d’oro per Di Carmine.

MUSTACCHIO: 5
Volenteroso ma gioca con la paura. Meglio delle altre partite ma ancora è molto bloccato.
(55’ TERRANI: 5,5
Non riesce mai a creare superiorità numerica)


FALCO: 5,5
Dovrebbe fare da collante tra il centrocampo e l’attacco, ma di lui si ricordano solo due conclusioni dal limite. Cala alla distanza. La sua gara finisce poco dopo l’inizio della ripresa.
(58’ CERRI: 6,5)
Combatte, lotta e si prende la responsabilità di calciare un rigore molto pesante.)

BUONAIUTO: 6
Prestazione da due volti, un primo tempo dove è l’unico a creare superiorità numerica, ed è il protagonista nelle poche azioni offensive del Perugia. Nel secondo tempo cala vistosamente. Sicuramente le condizioni del campo non lo agevolano.

DI CARMINE: 6
Radu gli nega il tap-in vincente al ‘18. Come al suo solito si sacrifica per la squadra ma gli arrivano pochi palloni. Si batte contro l’intera difesa dell’Avellino senza supporto dei compagni di reparto.

BREDA: 6
Si presenta con una squadra volta più a contenere che a costruire.
Mette un modulo molto diligente (4-2-3-1). Le cose vanno meglio nella ripresa dove, a causa dello svantaggio, osa qualcosa di più (C.M.)

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545