Skin ADV

Giannattasio: Gattuso fece bene ad andare, Pirlo con noi non toccò palla (FOTO)

"Per portarli a scuola bisognava chiamare i carabinieri, Gattuso oggi si disimpegna bene ma allora non riusciva a parlare in italiano; non nascondo di aver alzato le mani perché per loro ero anche un padre" .

A dirlo è stato Diego Giannattasio durante "Grifo Ricordi" di UmbriaTv  dedicata al doppio tricolore primavera del 1996-97.

Giannattasio svezzò gente del calibro di Gattuso e Lucarelli: " Rino teneva troppo palla, ma si vedeva che aveva una grinta fuori dal comune. Penso abbia fatto bene a scappare, in quegli anni si parlava tanto di giovani ma poi in prima squadra  giocavano pochissimo. Oggi sta facendo bene al Milan, con la sua faccia sudata e arrossata rivedo la sofferenza del grande Gattuso".

In quella squadra giocarono anche altri giocatori poi non esplosi nel grande calcio: "Penso a Cernicchi e Guastalvino, che avevano una forza fisica dirompente ed erano grandi marcatori, mentre Riccardo Gaucci giocava perché era un leader ed un trascinatore".

Capitano del secondo scudetto era Montesanto: "Era un cagnaccio e dopo la semifinale che ci portò a difendere il titolo dell'anno precedente  decisi di metterlo a uomo su Pirlo, che era il giocatore piu forte del Brescia: non toccò palla e finale vinta 2-0.

Capitolo Gaucci: "Quando Pieroni me lo presentò alle Tre Vaselle mi disse in cinque minuti quello che avrei dovuto fare, cioe vincere. Ma all'allenamento venivo sempre con il borsone, con lui il rischio esonero era sempre dietro l'angolo.
Infine il bilancio: "Sono contento di quello che ho fatto, poteva andare peggio è andata meglio ". 

La prossima puntata di Grifo Ricordi sarà dedicata a Massimo De Stefanis, ex numero 10 del Grifo dal 1984 al 1986.

 Umbria Televisione s.r.l. Via Monteneri, 37 06129 Perugia  P.IVA:01615980545